30 Maggio 2020
News

Carovigno, Valente: “Sarebbe opportuno non condannare nessuno alla retrocessione”

In attesa che il Consiglio Federale decreti la probabile sospensione definitiva dei campionati dilettantistici, abbiamo ascoltato in esclusiva per Tuttocampo Pasquale Valente, vice presidente e segretario dell’Asd Carovigno Calcio, impegnata nel girone B del campionato Promozione.



Questa è stata una stagione abbastanza travagliata per voi, i problemi economici hanno condizionato la stagione, dall’avvicendamento della guida tecnica da Zella a Termite al possibile ritiro a campionato in corso a novembre, poi scongiurato dai calciatori stesso. Che stagione è stata secondo lei?

“E’ stata una stagione molto tribolata da vicende interne dovute ad una situazione economica difficile e complicata. Tutti i dirigenti che fanno a capo dell’Associazione sono appassionati e tifosi dei colori della squadra e non imprenditori o impresari da poter gestire i costi sempre più elevati di un campionato di Promozione. Oltre alle difficoltà economiche sono state fatte anche scelte inadeguate che hanno compromesso l’avvio del campionato, nonostante si presentava in campo una rosa degna e ben rappresentata da calciatori di notevole spessore. Gli stessi calciatori a novembre hanno avvertito la difficoltà della società a proseguire e hanno fatto gruppo decidendo di scendere comunque in campo. A questo punto la società ha compiuto un ulteriore sforzo raccogliendo il più possibile fondi per assicurare almeno un minimo di rimborsi spese a tutti. Ma le difficoltà restano.”



Attualmente dopo il ritiro dell’Uggiano, la classifica vi vede penultimi a quota 16 punti. Al momento una ripresa dei campionati dilettantistici appare alquanto improbabile e diverse società iniziano a dirsi pronte per eventuali ripescaggi o chiedendo il blocco delle retrocessioni, qual è la vostra posizione nel caso di stop definitivo?

“Sarà difficile che il campionato dilettantistico possa riprendere, non vi sono le condizioni per proseguire in sicurezza vista l’emergenza sanitaria ancora in corso. In questa circostanza sarebbe una scelta ponderata la sospensione di tutte le attività e stilare una classifica di merito premiando le squadre in testa perché i sacrifici comunque li hanno fatti. Discorso diverso per le retrocessioni, ci sono squadre che non hanno terminato l’iter della salvezza e hanno partite in meno, non potendo disputarle sarebbe opportuno non condannare nessuno alla retrocessione. Sarà la Lega a decidere.”



E’ possibile ipotizzare un allargamento dello staff societario del Carovigno, con l’ingresso di nuovi soci che diano slancio al futuro prossimo della società rossoblù?

“Questo è sempre stato l’obbiettivo prioritario dell’Associazione, io me lo auguro altrimenti il rischio che il Carovigno Calcio finisca la sua illustre storia è alto, finirebbe così un’epoca che ha visto tanti nostri padri e nonni colmare le tribune del Comunale di Carovigno. Le porte sono e saranno sempre aperte a tutti.”
Fonte: Giuseppe Blonda - Tuttocampo


Fonte: TuttoCampo

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Trattamento dati - informativa sulla privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Trattamento dati - informativa sulla privacy  obbligatorio

close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account