14 Dicembre 2019
[]

News
percorso: Home > News > REPERTORIO

CAROVIGNO: Poca personalità e poca fortuna.


I rossoblù perdono la sfida contro il Brilla Campi sul terreno amico.

Nulla da fare per il Carovigno di mister Zella che subisce la quarta sconfitta consecutiva in campionato. Alla vigilia del match tutto sembrava che la squadra avrebbe riscattato le precedenti sconfitte, affrontando una formazione all’altezza, e che il fattore campo avrebbe agevolato il risultato finale. Ma poi in campo la realtà è un’altra, molto più cruda e diversa da quanto si prevedeva. Di fronte un avversario quadrato e ben motivato che ha saputo sfruttare le vulnerabilità della squadra locale. I primi dieci minuti di gioco hanno creato buone azioni ed emozioni, la traversa di Niccolò Greco e il palo di Gianluca Greco hanno dato la falsa impressione che si poteva fare, poi inizia la fase di black out con il Brilla che avanza con destrezza a centrocampo grazie alla difesa alta e ad un centrocampo ospite ben equilibrato. La fatica dei rossoblù si evidenzia proprio nel settore centrale della formazione carovignese, e con una difesa sempre in cerca di avventure. Mister Zella dispone di un roster che sulla carta è notevole e abbastanza importante, ma in campo non rispecchia le vere qualità a disposizione, tranne alcune eccezioni. I gol avversari, quello di Macchia al 40’, frutto di un’azione di contropiede ben gestita da Carlà, lancia da solo verso Marinò l’attaccante avversario, il diagonale è preciso e si infila alla destra dell’estremo rossoblù. Quello di Sforza al 66’ con un tiro al volo dai 25 metri che Marinò non arriva a toccare. Il portiere ospite Pendinelli compie un miracolo e para un tiro preciso di testa di Motti. De Carlo, sempre motivato, ruba una palla aerea a Petracca e con una ribattuta lancia il pallone nella porta avversaria vuota, ma la fortuna non è di casa. In totale quattro legni, due per parte, ma il Carovigno può recriminare anche due rigori nettissimi non concessi da Raimondo di Taranto.
Il malessere che aleggia nell’aria non è solo colpa dell’allenatore o dei giocatori, ma anche di una preparazione della squadra in ritardo di un mese che grava sull’andamento, con conseguente carenza di strategie e tattiche che ancora non hanno trovato la giusta allocazione nella squadra. Aspettiamo la squadra “vincente”, quella che poi non si cambia.

CAROVIGNO-BRILLA CAMPI 0-2
RETI: 38′ pt Macchia, 20′ st Sforza

CAROVIGNO: Marino, De Tommaso, Morleo, Motti (20′ st Galasso), Diagne, Tamborrino (28′ st Scarongella), Greco G. (13′ st Marino), Lanzillotti, Tidiane, De Carlo, Greco N. All. Zella.

BRILLA CAMPI: Pendinelli, De Vincentis, Petracca, de Vventura, Tondo, Papa, Giannotti, De Lorenzis (30′ pt Sforza), Macchia (28′ st Resinato), Carlà (47′ st Cappello), Serti. All. Patruno.

ARBITRO: Raimondo di Taranto.

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Trattamento dati - informativa sulla privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Trattamento dati - informativa sulla privacy  obbligatorio